? COVID 19: POTETE PRENOTARE ORA E CANCELLARE 48 ORE PRIMA DEL VOSTRO ARRIVO - VI RESTITUIREMO IL 100% DEL VOSTRO DENARO

Come si formano le onde? Tutto quello che un surfista deve sapere

In più di un’occasione vi sarete chiesti come si producono le onde. Diamo un’occhiata a tutti gli elementi essenziali da conoscere.

Ogni surfista dovrebbe sapere come si producono le onde.

Cosa sono le onde?

La prima cosa da capire, ovviamente, è cosa sono le onde. Non c’è surf senza onde, quindi è essenziale conoscere a fondo come si producono, ma anche cosa sono, perché le due cose vanno di pari passo.

Sapere cosa sono le onde è molto importante per ogni surfista.

Pertanto, la prima cosa da fare è concepirli come onde che si muovono sulla superficie dell’acqua. Si tratta di increspature che si generano e possono viaggiare per migliaia di chilometri, crescendo di dimensioni. È molto difficile misurare un’onda, anche se le onde più grandi tendono a formarsi al largo, mentre quelle più piccole si formano vicino alla spiaggia.

Potresti essere interessato a: Scuola di surf a Lanzarote per principianti

Come si formano le onde?

Per comprendere la formazione delle onde, dobbiamo capire che ci sono alcuni fattori che influenzano l’acqua. Le onde stesse sono generate dalle variazioni di temperatura e pressione dell’atmosfera, senza essere necessariamente influenzate dal vento.

Allo stesso tempo, centri di bassa pressione, noti come piovaschi, e centri di alta pressione, noti come anticicloni, generano i movimenti d’aria. In altre parole, il vento che si verifica attraverso queste variazioni e movimenti permette di spostarsi da luoghi in cui c’è più pressione a luoghi in cui ce n’è meno.

Pertanto, quando c’è una maggiore differenza di pressione tra un luogo e l’altro, la velocità del vento sarà maggiore. Il fatto che il vento sfiori la superficie dell’acqua del mare forma delle piccole onde. Con l’aumentare dell’attrito, aumentano anche le dimensioni delle onde.

Come si formano le onde?

Tutto questo permette di generare onde speciali per il surf, anche gigantesche, come nel canyon di Nazaré. Pertanto, sappiamo che le onde variano in base alla forza del vento, al tempo o alla persistenza con cui può soffiare in un determinato luogo e all’area dell’oceano.

Nel caso dei surfisti, crediamo di conoscere e capire il mare meglio di chiunque altro, nel senso che lo concepiamo in senso pratico. Tuttavia, per poter leggere al meglio le previsioni delle onde, è essenziale comprendere anche la teoria. Ecco perché alcune onde con un periodo più lungo arrivano più chiare e ordinate e altre non sono così chiare e ordinate.

Fattori che influenzano la formazione delle onde

Sebbene si possa pensare che il vento ostacoli l’esperienza di cavalcare le onde, la realtà è che è il più grande alleato e amico dei surfisti. Quando in mare non c’è nessun altro oltre a voi, probabilmente il vento è con voi. Allo stesso tempo, fa aprire le onde e migliora le condizioni per la pratica di questo sport.

Pertanto, potremmo dire che il vento è l’inizio delle onde. In alto mare il mare si pettina, formando delle piccole creste. Queste onde iniziano a crescere grazie alla stabilità, alla costanza della forza e all’energia emessa da questo vento. Quanto più è stabile, tanto migliore sarà l’onda in termini di grandezza.

Tuttavia, è anche comune che le condizioni siano più favorevoli se il fondale marino è liscio e non ci sono ostacoli sul percorso dell’onda. Questo perché nulla rallenta la grande energia che sale dal mare, ed è per questo che , quando si arriva alla spiaggia, le onde si infrangono in forme irregolari, con l’acqua che si riconosce come in movimento.

Formazione dell'onda

A questo punto è importante sapere che, al limite della spiaggia, la profondità dell’acqua diminuisce e l’acqua finisce per morire nella sabbia. La massa d’acqua appare con una velocità e un’energia che derivano dalla forza, dalla distanza e dalla pulizia del vento. Quando raggiunge la costa, quest’onda rallenta a causa dell’attrito tra l’acqua e il fondale.

La parte inferiore dell’onda d’acqua rallenta quando colpisce l’acqua, ma la parte superiore dell’onda d’acqua mantiene lo stesso slancio. Questo provoca la cresta che l’onda rompe, per cui, a seconda del fondale, si creerà un tipo di onda o un altro. Da qui la differenza tra le onde più brutali e altre più delicate.

Se vi piacciono le onde più potenti, avrete notato che i cambiamenti improvvisi nella sabbia o nei fondali, come rocce o coralli, provocano un attrito più intenso. In questo modo l’energia del movimento forma onde più aggressive, che si infrangono all’improvviso e con maggiore potenza.

Tipi di onde esistenti

Sappiamo già cosa sono le onde e come si formano. Ora dobbiamo scoprire quali sono i diversi tipi. In base alla direzione di rottura, possiamo dividerle in “onde destre” e “onde sinistre”.

Le onde destrorse sono quelle che, quando si surfano, si spostano verso destra. In genere, hanno un picco nella zona più alta che li porta a rompersi progressivamente verso quel lato. Le onde sinistre, invece, vi faranno spostare verso sinistra, avendo un picco nella zona più alta che si infrange progressivamente verso di voi. Pertanto, in questo caso è la direzione che conta.

Poi, possiamo anche prendere in considerazione il luogo in cui si formano le onde. Esistono due tipi di onde. Le onde eoliche sono prodotte dall’effetto del vento sull’acqua del mare, che si crea a breve distanza dalla costa, generando onde piccole, instabili e di bassa qualità, che si infrangono quasi sempre in modo precipitoso, a causa del fatto che provengono da varie direzioni.

Le onde di fondo, invece, sono di altissima qualità e dimensione, poiché vengono generate a migliaia di chilometri di distanza dal luogo in cui si infrangono. Pertanto, arrivano sulla costa con un periodo di tempo molto più lungo e permettono di godere delle caratteristiche che tanto piacciono, perché sono “preparate” da una distanza maggiore.

Ci sono anche onde che dipendono dal tipo di fondale. Fondamentalmente, ce ne sono 3. La prima è l’onda con fondo sabbioso, meno pericolosa di quelle che si vedono sulla roccia e sulla barriera corallina, anche se con un tasso di instabilità maggiore, che le rende irregolari e con variazioni di maree e correnti.

Tipi di onde

Le onde del fondo roccioso si infrangono su una pietra o su uno scoglio, avendo un ambiente molto più stabile, in quanto non c’è quasi mai alcuna variazione. Tuttavia, sono pericolose per i surfisti dilettanti, per cui non vi consigliamo di praticarle finché non siete esperti.

D’altra parte, le onde del fondo corallino sono molto simili a quelle delle rocce, con la differenza che si tratta di organismi viventi. Sono stabili e con poche condizioni di cambiamento, anche se c’è una maggiore ossigenazione e la trasparenza ci permette di vedere cosa c’è sotto.

Esistono anche altre 4 importanti categorie di onde in termini generali. Le prime sono le oscillazioni, generate dalle variazioni del livello del mare in superficie. Non è che l’acqua avanzi, ma semplicemente che ci sono delle curve per salire e scendere, motivo per cui è comune che si verifichi a chilometri dalla costa.

Le onde traslazionali si generano quando il mare si sposta in avanti e si infrange contro il fondale, modificandone la superficie. Di solito si trovano vicino alla costa, quindi sarete abituati a vederli con molta schiuma.

Per quanto riguarda le onde forzate, possiamo notare che sono quelle causate dalle tempeste marine provocate dal vento. Queste onde sono impossibili da surfare, poiché non ci sono previsioni per sapere come saranno quando raggiungeranno la riva, quindi sono anche pericolose.

Anche le onde sismiche, che sono innescate da terremoti, esplosioni vulcaniche e persino dal movimento delle placche tettoniche, tutte ad alta velocità. Pertanto, le dimensioni e le forze in gioco sono enormi e possono essere terrificanti anche per i surfisti più esperti.

Infine, non possiamo non menzionare i tipi di onde che si generano quando si infrangono. Abbiamo onde cave, che sono quelle in cui vediamo una cresta che supera la base, generando un cilindro all’interno. Sono ideali per il surf, grazie alla facilità di manovra.

Un buon surfista deve sapere come si formano le onde e quali sono i tipi più comuni.

Le onde a tubo sono una variante di quelle sopra descritte, in cui la cima si alza così tanto da chiudere un tubo all’interno. Sono quelle che tutti i surfisti sognano, nel senso che si può avere la parete dell’onda circondata da essa.

Vediamo le onde ondulate, dove la base è più avanti rispetto alla parte ondulata. A volte non si rompono o sono puramente in schiuma, quindi non saranno troppo ripidi.

Infine, le onde di riva sono quelle che si infrangono vicino alla riva e sono pericolose perché si infrangono sul fondo.

Sapete tutto sulla creazione, i tipi e le caratteristiche delle onde. Ci auguriamo che usiate queste conoscenze per navigare alla grande!

Se volete provare più di quaranta onde diverse, vi consigliamo di visitare le Isole Canarie e in particolare Lanzarote, dove la qualità delle onde è impressionante.

Sin dal 1996 Lanzarote Surf insegna la vera arte del surf. Siamo ubicati nella Riserva Naturale di Famara, un paesaggio idilliaco disegnato dalla natura, il luogo perfetto per gli amanti del surf.

Dai un’occhiata alla nostra ampia gamma di programmi e corsi. E se non ti basta: cosa c’è di meglio che completare il tuo allenamento di surf integrando un corso di SUP, Kitesurf, Yoga o Diving?

Chat
Hi! / ¡Hola! ?

How can I help you? / ¿Cómo te puedo ayudar?