? COVID 19: POTETE PRENOTARE ORA E CANCELLARE 48 ORE PRIMA DEL VOSTRO ARRIVO - VI RESTITUIREMO IL 100% DEL VOSTRO DENARO

La storia del surf: come e dove è nato?

Conoscere la storia del surf significa capire perché oggi è uno sport così popolare. Diamo un’occhiata a come era questa disciplina fin dai suoi inizi.

Il surf è uno sport molto popolare al giorno d'oggi e bisogna conoscerne la storia.

Ma prima, se siete interessati a imparare davvero a fare surf, siamo una scuola di surf di Lanzarote da più di 20 anni in un posto fantastico chiamato Famara. Se siete interessati a questo sport, non esitate a contattarci.

Storia del surf, le origini: Perù e Bolivia, XVI secolo

Sebbene oggi le Hawaii siano considerate la località più iconica in termini di storia del surf, la realtà è che questo sport non ha un’origine molto chiara. Non esistono cioè molti documenti scritti che lo attestino, mentre gli storici non sono del tutto concordi sulle versioni esistenti.

Trattandosi di uno sport molto antico che si è evoluto nel tempo, è difficile fornire una data esatta. Quello che si può dire, però, è che sono stati i viaggiatori europei a incontrare per primi questa disciplina, per cui è importante ricostruirne il passato.

La storia del surf è affascinante.

Oggi è uno sport praticato in quasi tutto il mondo. Le industrie del surf più sviluppate si trovano in Australia, Europa (soprattutto Spagna e Francia) e Stati Uniti. Tuttavia, è anche importante vedere che, per iniziare, dobbiamo spostarci in Sud America.

La prima cosa che possiamo dire è che esisteva un elemento noto come caballito de Totora, ovvero un tipo di imbarcazione, costruita con steli e foglie, creata per la pesca in Perù e Bolivia. Tuttavia, veniva utilizzato anche per scivolare sulle onde in modo simile al surf, ed è nel XVI secolo che si parla di protosurf.

Origini e storia del surf: Hawaii, 18° secolo

Questa situazione è stata descritta dall’antropologo spagnolo Fray José de Acosta, che ha scritto sulle culture degli indigeni del Perù, descrivendo questa attività sui caballitos de Totora come “nettuni che tagliano le onde del mare”. Questo monaco lo scrisse nel suo libro “Historia natural y moral de las Indias”, pubblicato alla fine del XVI secolo.

Allo stesso tempo, sappiamo che nel XVIII secolo, quasi 200 anni dopo gli scritti sui cavalli di Totora, apparve un equipaggio guidato dal navigatore britannico James Cook. Lì scrisse anche dell’arte di scivolare sull’acqua, che era stata osservata su isole ai tropici.

James Cook, noto per aver “scoperto” le isole Hawaii, trascorse qui del tempo con il suo equipaggio. Questo gli ha permesso di conoscere il loro stile di vita, comprendendo molte delle abitudini degli indigeni. Questo includeva, ovviamente, il surf.

Le origini del surf alle Hawaii

Questa attività era chiamata he’enalu in hawaiano, che significa “planare sulle onde”. Il capo degli indigeni dell’isola, chiamato kahuna, aveva la tavola migliore, ricavata dal legno dell’albero migliore. Allo stesso tempo, si trattava di uno sport d’élite, in quanto le migliori spiagge dell’isola erano riservate alla nobiltà, mentre le classi inferiori non potevano praticare il surf.. Era uno sport di reputazione, pensato per la classe superiore..

Sebbene le prime tracce del surf come lo conosciamo oggi siano state rinvenute alle Hawaii, non si pensa che siano state le origini del surf. In realtà, la maggior parte degli abitanti è arrivata in questo territorio da altre isole dell’Oceano Pacifico, soprattutto per quanto riguarda la Polinesia. Per questo motivo si pensa che sia il luogo in cui è nato il surf che conosciamo oggi.

Tuttavia, ci sono anche alcune differenze importanti. Sappiamo soprattutto che i surfisti dell’epoca prendevano le onde sdraiati, a differenza di oggi. Inoltre, si presume che fosse un metodo per portare il pesce a riva, cioè per accelerare la pesca e considerare questa attività come una necessità alimentare e non solo come un divertimento, cioè come uno sport.

Scomparsa del surf tra il XIX e il XX secolo

Dall’inizio del 1800, con l’arrivo dei missionari cristiani sull’isola, il surf, come tante altre tradizioni, è stato vietato sul suolo hawaiano perché considerato immorale. Per questo motivo, in questo periodo, la cultura del territorio tendeva a scomparire con l’arrivo della popolazione straniera.

L’estinzione dello stile di vita hawaiano è dovuta all’imposizione della cultura europea, alle numerose malattie portate sulle isole dalle navi e alla proibizione delle usanze indigene. Così, nei 150 anni successivi, i missionari cristiani hanno quasi cancellato ogni traccia di questo sport sull’acqua.

Abbiamo visto che, per tutta la durata di questa tappa, la rigida cultura dei monaci calvinisti che abitavano l’isola era strettamente religiosa.Il surf non era solo integrato dal lavoro, ma non c’era spazio per attività sportive e ricreative, come il surf, che era già installato nella loro visione come sport. Oltre al declino della popolazione indigena, che rappresentava solo il 30% della popolazione totale delle Hawaii, sappiamo già che il surf era praticato solo da pochi coraggiosi.

Rinascimento del surf, la rinascita nel 20° secolo

Tuttavia, questo divieto non sarebbe durato a lungo. Dal XX secolo è stata ripresa l’usanza di scivolare sulle onde con tavole di legno sulle spiagge hawaiane. Questo è avvenuto grazie a un gruppo di discendenti di antichi re hawaiani che hanno voluto dare vita a questo revival delle loro usanze.

Il rinascimento del surf

Tra questi, si può citare Duke Kahanamoku, considerato il padre o la personalità più importante del surf moderno. Nel corso degli anni Venti, Duke fu un nuotatore olimpico e uno dei gestori del primo surf club sulla spiaggia hawaiana di Waikiki, organizzando una serie di eventi che divennero popolari e si diffusero in Europa, Australia e Stati Uniti, grazie ai suoi viaggi in tutto il mondo.

Per questo motivo questo sport è popolare sulle spiagge della California fin dagli anni Trenta. È in questo periodo che iniziano a svolgersi i principali campionati di surf, dando vita, ad esempio, alle prime riviste sportive specializzate in materia.

Allo stesso tempo, lo sport iniziò a diventare più professionale, come dimostrano le tavole da surf migliorate e l’aggiunta di una chiglia da surf alla base della tavola, un’innovazione di Tom Blake. La chiglia permetteva a quelli che ormai venivano considerati sportivi di eseguire virate e manovre durante il surf sull’onda, essendo uno dei principali materiali aggiunti a questo sport, oltre all’aspetto del neoprene.

D’altra parte, sappiamo che tra il 1939 e il 1945, a causa della Seconda Guerra Mondiale, ci fu un arresto abbastanza scioccante nella pratica di questo sport. Tuttavia, fu utile anche per molti marinai, che erano stati inviati nel Pacifico, venire a conoscenza della sua esistenza. Poi, durante la guerra, si sono potuti scoprire altri materiali utilizzati successivamente nello sport. Alla fine della guerra, il surf era già estremamente popolare.

Più vicino al presente, abbiamo visto che negli anni ’60 è emersa una cultura musicale e cinematografica intorno a questo sport. Lo abbiamo visto in relazione a film come Gidget e a gruppi come i Beach Boys, che hanno diffuso la cultura del surf in California e nel resto del mondo. È considerata l'”età dell’oro” del surf, con lo sviluppo di tavole più corte, la comparsa e l’uso di nuovi materiali per la produzione e una cultura del surf che è continuata fino ai giorni nostri. Inoltre, all’inizio degli anni Sessanta furono create le tavole lunghe, ideali per eseguire i trick.

Storia del surf negli anni '60

Dieci anni dopo, negli anni ’70, il surf divenne popolare in Europa e fu creata la prima muta. Venivano utilizzate anche due chiglie, che consentivano virate più strette e manovre molto più delicate e complesse. Da quella data iniziarono le competizioni mondiali, che richiedevano una maggiore preparazione per i concorrenti.

Speriamo che la storia del surf vi sia piaciuta e se siete interessati a imparare a surfare, non esitate a iscrivervi alle nostre lezioni di surf a Lanzarote.

Sin dal 1996 Lanzarote Surf insegna la vera arte del surf. Siamo ubicati nella Riserva Naturale di Famara, un paesaggio idilliaco disegnato dalla natura, il luogo perfetto per gli amanti del surf.

Dai un’occhiata alla nostra ampia gamma di programmi e corsi. E se non ti basta: cosa c’è di meglio che completare il tuo allenamento di surf integrando un corso di SUP, Kitesurf, Yoga o Diving?

Chat
Hi! / ¡Hola! ?

How can I help you? / ¿Cómo te puedo ayudar?