? COVID 19: POTETE PRENOTARE ORA E CANCELLARE 48 ORE PRIMA DEL VOSTRO ARRIVO - VI RESTITUIREMO IL 100% DEL VOSTRO DENARO

Quali tipi di Surf esistono, qual è il vostro?

Siamo tutti interessati al surf. Tuttavia, sapete quali tipi di surf esistono? Esaminiamo tutti i dettagli.

Tipi di surf

A proposito, potete venire nella nostra scuola di surf a Lanzarote e vi insegneremo a surfare, come facciamo da più di 20 anni. Quindi, se siete interessati, non esitate a scriverci, subito…. Passiamo agli affari. 🤙

I diversi tipi di surf

Vale la pena notare che dopo anni di proibizione da parte dei colonizzatori europei, il surf è rinato alle Hawaii nel corso del XX secolo, come abbiamo già visto. Questa rivitalizzazione dello sport ha portato con sé una grande diversità di stili e manovre, che sono stati creati dagli appassionati di ogni modalità, con Duke Kahanamoku che è stato il pioniere nel rilanciare questa pratica, espandendola in alcune regioni importanti, come l’Australia, l’Europa e gli Stati Uniti.

Tipi di surf da conoscere

Oggi è un’industria globale che offre una gamma di prodotti per l’intrattenimento e le prestazioni dello sport. Pertanto, è utile conoscere le classificazioni e le modalità per poterle praticare.

Base per il surf

È il leggendario surf di base da cui sono state ricavate le altre classificazioni. In pratica, consiste nel pagaiare, alzarsi e manovrare, mentre la tavola scivola in armonia con le onde fino a spegnersi. In termini di classificazione, esistono tre categorie in relazione alla tabella:

Tavola shortboard

In questo caso, gli atleti decidono di eseguire varie piroette su tavole lunghe da 1,5 a 2 metri. Le loro dimensioni gli permettono di avere una maggiore manovrabilità dentro e fuori le onde, anche se non bisogna aspettarsi una velocità molto elevata.

Funboard

Queste tavole da surf sono consigliate per i principianti, in quanto sono della misura perfetta per i principianti, con una lunghezza che va da 1,8 a 2,4 m. È l’intermedio di Shortboard Board e Longboard, quindi, grazie ad esso, potrete imparare a inseguire le onde, a manovrare su di esse, a raggiungere una buona velocità e a mantenere la stabilità.

Longboard

Si tratta di tavole di lunghezza compresa tra 2,4 e 3,6 m, più spesse e più stabili in acqua. Grazie ad essi, potrete eseguire diverse manovre, cambiare posizione e camminare su di essi, mentre scivolano sulle onde ad alta velocità.

Windsurf

Qui un rig o una vela sono combinati con una tavola molto simile a una tavola da surf. La vela sarà incernierata ai piedi dell’albero, il che significa che la rotazione e la direzione implicano una significativa malleabilità. Sono ideali per le piroette, anche se non sono raccomandati per i principianti, poiché è necessaria una notevole abilità in termini di conoscenza dei cambi di vento e di gestione dell’ambiente.

Kite surf

Si tratta di un tipo di surf unico nel suo genere, che sfrutta le forze del vento per mezzo di un aquilone da trazione, fissato al corpo dell’individuo per mezzo di un’imbracatura che servirà a muovere la tavola sull’acqua, anche in assenza di onde. Tutto questo permette di eseguire diversi tipi di salti, rotazioni e altre piroette in aria.

Paddle surf o stand up paddle

Si tratta di una disciplina specifica che è stata conosciuta dagli hawaiani come Ho e’he Nalu, essendo uno dei nuovi stili di surf. La particolarità è quella di stare in piedi su una tavola speciale, muovendosi su di essa con il supporto di una pagaia, che ha la capacità di spingere e manovrare attraverso una superficie d’acqua, come spiagge o laghi, per esempio.

Bodysurf

Si tratta di un tipo di surf davvero divertente, perché non sono necessarie grandi abilità per praticarlo, anche se l’attività in acqua è costante, quindi le condizioni fisiche devono essere ottimali. L’idea è quella di scivolare con il corpo direttamente sul mare, senza il supporto della tavola, ma con una tavola a mano e delle pinne.

Kayak surf

È una delle varietà più recenti di surf. È nato con l’idea di poter spostare il kayak in mare e sfruttare la forza delle onde, insieme alla pagaia, per poter andare ad alta velocità e compiere ogni tipo di manovra proprio come con una tavola.

Skimboarding

Sapevate che lo skateboard compare anche in mare? L’idea è di mescolare entrambi gli sport utilizzando una piccola tavola per saltare, manovrare e giocare sulle onde, proprio dove si infrangono. Consiste nel saper aspettare sulla riva il momento giusto, per potersi poi tuffare senza paura.

Bodyboard

Qui abbiamo il tipo di surf che utilizza una piccola tavola di schiuma sintetica senza pinne, che vi sarà utile per muovervi sulle pareti delle onde. È simile al bodysurf in quanto utilizza i propulsori delle pinne, oltre a movimenti specifici e alla posizione del corpo, anche se all’interno di questa classificazione si trovano anche altre modalità:

Prono

Si tratta di uno stile di surf moderno in cui prevale la velocità grazie agli aliscafi adattati alla tavola. Consiste nel galleggiare sulle onde da sdraiati, in modo che l’energia dell’acqua scorra tra le ali con maggiore forza, con una sorprendente reattività.

Ginocchio a goccia

Questa è una modalità per chi ama surfare in ginocchio sul bodyboard. Potete avvicinarvi alle onde sdraiati sulla tavola e, non appena le afferrate, sarete in grado di spostare le ginocchia sotto il corpo, piegando la gamba in avanti con il piede.

In piedi

Qui prevale l’agilità, in modo da poter eseguire questa modalità grazie alla somiglianza tra le due. Nella versione stand-up, è sufficiente appoggiare entrambi i piedi sul bodyboard, il tutto cavalcando le onde alla massima velocità.

Surf con traino

Siete interessati al surf estremo? In questa versione, il surfista ha bisogno del supporto delle moto d’acqua come mezzo per accedere a onde enormi, in modo da poterle prendere rapidamente al momento giusto. È stato inventato da atleti che avevano bisogno di adrenalina per infrangere onde alte più di 30 piedi.

Che cos’è il surf?

Se dovessimo descriverlo in poche parole, dovremmo dire che il surf consiste nello scivolare su una tavola in piedi sulle onde. Tuttavia, questo non è così elementare, in quanto apre un’ampia gamma di possibilità sulla scacchiera, che danno vita al genio creativo degli sportivi. Date un’occhiata alle nostre lezioni di surf a Lanzarote e imparate a surfare, offriamo anche alloggi proprio sulla spiaggia di Famara.

Che cos'è il surf?

La prima cosa da fare è alzarsi in piedi e tenersi saldi alla riva. Una volta acquisita la tecnica, sarete in grado di cavalcare le onde facendo muro, sia frontside (di fronte all’onda) che backside (con le spalle all’onda). Potrete anche dare velocità alla tavola, il che vi aiuterà a eseguire altre manovre di surf.

Anche se approfondiremo in seguito, a priori potremo distinguere due modalità principali. Il primo è il longboard, che è il più classico e utilizza tavole molto lunghe (minimo 9 piedi), oltre a tavole più larghe e spesse, che consentono di praticare questo sport in modo molto più agevole. L’altra versione è lo shortboard surfing, che si pratica su tavole più piccole, strette e sottili, ideali per manovre molto più appariscenti.

Per quanto riguarda la sua storia, stiamo parlando di uno sport molto antico di cui non si conoscono con certezza le origini, cioè gli storici non sono d’accordo su come sia nato. Alcuni sostengono che fosse già praticata nelle isole polinesiane circa 500 anni fa, anche se non ci sono molti documenti storici a sostegno di questa tesi.

Si sa che il primo contatto dell’uomo europeo con il surf avvenne nel XVIII secolo, quando James Cook arrivò nelle isole Hawaii e vietò il surf ai nativi. L’intenzione era quella di costringerli ad acquisire i costumi europei e non quelli locali.

Con il massiccio afflusso di turisti americani, il surf fu rivitalizzato e cominciò a diventare popolare in California, Australia e in molte altre parti del mondo. Questo ci ha permesso di considerare il surf oggi come uno sport acquatico che consiste in un individuo, noto come surfista, che cavalca una tavola sul lato frontale o profondo di un’onda, che di solito lo porta a riva.

Un altro punto importante è che il surf è uno sport con un processo di apprendimento organizzato in fasi. Non si imparerà tutto “in una volta”, ma il primo obiettivo sarà quello di sedersi sulla tavola, in modo da riuscire a poco a poco ad alzarsi e a mantenere l’equilibrio per un certo periodo di tempo.

Il surf è uno sport estremo.

Man mano che ci si esercita e si migliora, si iniziano a provare altre tecniche, come il wall surfing (costeggiare l’onda). Una volta appresa questa fase, la successiva consiste nell’imparare a portare la tavola in velocità, il che sarà utile per il resto delle manovre di surf che si possono fare, tra cui rientro, floater, roundhouse, cut-back, snap, aerials, tube, eccetera.

Gli appassionati di surf lo considerano uno sport che ha la capacità di fondere i movimenti del nostro corpo con l’ambiente, raggiungendo un senso di controllo e libertà allo stesso tempo. Allo stesso tempo, si tratta di una disciplina senza limiti di età specifici, anche se è sempre necessario tenere conto delle condizioni fisiche e dei limiti di ciascun individuo, poiché la condizione fisica è importante per evitare infortuni.

Per quanto riguarda i bambini, possono iniziare questa pratica fin dalla più tenera età, sempre sotto supervisione e con la consulenza di un professionista, evitando qualsiasi tipo di lesione. In età più avanzata, è consigliabile consultare preventivamente un medico per conoscere i possibili rischi e le limitazioni. C’è anche il surf adattato per i disabili.

Allo stesso tempo, tutto questo fa sì che il surf sia considerato un eccellente generatore di sensazioni ed emozioni, tra le quali possiamo evidenziare la sensazione di libertà e di competizione con se stessi, aspirando all’auto-miglioramento. Inoltre, ci troveremo in un ambiente naturale che favorisce il rilassamento e la riduzione dello stress, motivandoci e stimolandoci a migliorare costantemente e a raggiungere la fiducia in noi stessi.

Il surf produce emozioni fantastiche.

Esigenze di surf

Se volete fare surf, potete controllare gli elementi necessari per il surf:

  • Tavola da surf. Questo è l’aspetto più importante e principale del surfista. La scelta dipende dal livello dell’operatore. In genere, i principianti iniziano a usare tavole lunghe, larghe e spesse perché hanno una maggiore galleggiabilità e stabilità. D’altra parte, i surfisti più esperti utilizzano tavole piccole, strette e sottili, perché hanno la possibilità di eseguire ogni tipo di manovra. La scelta deve essere fatta in base alla dimensione delle onde, perché più grandi sono le onde, più lunga deve essere la tavola.
  • Muta in neoprene. Questo è l’elemento che vi copre. Esiste un’ampia gamma di mute che vi impediranno di raffreddarvi in mare. La loro scelta si basa principalmente sulla temperatura dell’acqua. Il valore varia a seconda della qualità e dello spessore.
  • L’invenzione. Si tratta di una sorta di corda, realizzata in plastica elastica, che mantiene la tavola attaccata al piede tramite una chiusura in velcro. Deve essere in buone condizioni, poiché è molto importante che non venga rotto da un’onda.
  • Chiglie. Sono i timoni della tavola, che permettono alla tavola di girare e di rimanere stabile.
  • Cera di paraffina. Qui abbiamo un tipo di cera che può essere posizionata sulla parte superiore della tavola, ideale per evitare di scivolare in qualsiasi momento.
  • Impugnatura. Si tratta di un materiale simile alla gomma che si attacca alla tavola per evitare di scivolare. Può sostituire la paraffina o essere combinata con essa, come nel caso della paraffina per il piede anteriore e del grip per il piede posteriore.

La pratica di questo sport comporta un costo che di solito varia tra medio e alto, a seconda del prezzo dei materiali utilizzati all’inizio. Allo stesso tempo, il surf presenta un’ampia gamma di benefici e rischi.

La prima cosa da sapere è che il surf combina il lavoro aerobico con la tonificazione. Ciò significa che è possibile migliorare la funzione cardiorespiratoria e bruciare calorie allo stesso tempo, facendo lavorare i muscoli delle braccia e della schiena e rafforzando la figura.

Un altro aspetto importante è che lavoreranno anche le gambe, i glutei e la zona centrale del corpo, dove si trova la maggior parte dei muscoli posturali. Tutti questi elementi servono per stare in piedi sulla tavola mentre si cavalcano le onde del mare.

Allo stesso tempo, guadagnerete resistenza, tono muscolare e migliorerete la coordinazione e l’equilibrio. Tutto questo, ovviamente, senza contare la sensazione di libertà che ci aiuta ad allontanare lo stress e a staccare la spina dal presente che stiamo vivendo, poiché la natura, l’abilità e l’armonia lo rendono molto rilassante.In questo contenuto si possono conoscere i diversi tipi di navigazione.

I rischi sono causati da diversi fattori. Il primo di questi è l’ambiente stesso. Le onde possono essere pericolose, quindi anche se imparerete ad anticiparle, la realtà è che a volte il terreno può essere imprevedibile. Allo stesso tempo, è necessario prestare attenzione alla postura per evitare lesioni.

I “colpi” più frequenti possono essere:

  • Colpi e tagli. Si tratta di lesioni che possono verificarsi senza che ce ne rendiamo conto, poiché viviamo il ritmo frenetico delle onde.
  • Ustioni cutanee. La protezione solare deve essere sempre utilizzata, anche nelle giornate meno soleggiate o nuvolose.
  • Colpo di calore o colpo di calore. Se siamo costantemente esposti, potremmo averne uno. Per questo è importante fare brevi pause all’ombra.

Pertanto, abbiamo già conosciuto le diverse varianti del surf, uno sport davvero complesso con molteplici varianti che ha una lunga storia e una lunga traiettoria. Bisogna sempre ricordare che, sebbene sia molto divertente, rilassante e adrenalinico, bisogna anche imparare ad avere “rispetto” per l’acqua, che spesso può essere vostra amica, ma altre volte un fattore imprevedibile che può mettere in pericolo la vostra stabilità.

Sin dal 1996 Lanzarote Surf insegna la vera arte del surf. Siamo ubicati nella Riserva Naturale di Famara, un paesaggio idilliaco disegnato dalla natura, il luogo perfetto per gli amanti del surf.

Dai un’occhiata alla nostra ampia gamma di programmi e corsi. E se non ti basta: cosa c’è di meglio che completare il tuo allenamento di surf integrando un corso di SUP, Kitesurf, Yoga o Diving?

Chat
Hi! / ¡Hola! ?

How can I help you? / ¿Cómo te puedo ayudar?