? COVID 19: POTETE PRENOTARE ORA E CANCELLARE 48 ORE PRIMA DEL VOSTRO ARRIVO - VI RESTITUIREMO IL 100% DEL VOSTRO DENARO

Tipi di onde e parti di un’onda, quello che c’è da sapere

Se volete diventare dei buoni surfisti, è essenziale che conosciate i tipi di onde e le parti di un’onda, e questo fa parte delle informazioni che riceverete se vi iscrivete alle nostre lezioni di surf per principianti a Lanzarote.

È importante conoscere i tipi di onde come surfista.

Conoscere l’onda in arrivo e le sue caratteristiche renderà la vita più facile quando si tratterà di prenderla, quindi è essenziale conoscere queste informazioni. Vediamo cosa si vede in un’onda.

I tipi di onde che possiamo trovare facendo surf

La prima cosa da dire è che le onde sono i movimenti più importanti del mare. Ciò che amiamo tanto e che costituisce la base del nostro sport si forma grazie all’impulso dei diversi venti. La velocità del vento consente la formazione continua di onde, da quelle piccole e gessose che si depositano sulla spiaggia a quelle grandi e potenti che si generano in condizioni di instabilità, come durante le tempeste.

Tipi di onde che ogni surfista dovrebbe conoscere.

È proprio in mare aperto che si vedono le onde più grandi, anche se è possibile vederle anche molto vicino alla costa. È quindi utile sapere quali sono i 3 tipi principali di onde:

Onde oscillanti

La prima cosa che sappiamo è che questo tipo di onda è così chiamato perché l’acqua non si muove in avanti, ma descrive solo un giro mentre si alza e si abbassa quasi nello stesso punto in cui è iniziata la salita dell’onda. Queste sono le onde più comuni e quelle che siamo abituati a vedere nello sport, per questo le chiamiamo semplicemente onde.

Si spostano da un luogo all’altro, quindi la maggior parte di essi ha una forma ad arco, che li rende ottimi per il surf. Allo stesso tempo, nelle onde di oscillazione, si prende in considerazione l’altezza, che è la distanza verticale tra la cresta o la parte più alta e il punto più basso della depressione o del solco. Allo stesso tempo, è importante valutare la lunghezza dell’onda, che è la distanza tra due creste successive, mentre il periodo dell’onda è il tempo impiegato da due creste successive per passare da un punto.

Onde traslazionali

In questo caso si tratta di onde che si verificano in prossimità della costa, che toccano il fondo, avanzano e si infrangono contro la costa, generando un’abbondante formazione di schiuma. Quando l’acqua torna in mare, si crea la risacca.

Va notato che queste onde non possono essere viste a occhio nudo, poiché il loro movimento non avviene sulla superficie del mare, ma su una scala molto più profonda. Allo stesso tempo, vediamo che queste onde oscillano, cioè si muovono in cerchio, un po’ sotto la superficie, un movimento quasi impercettibile.

Onde sismiche

Il terzo tipo di onde è quello prodotto dai terremoti della crosta oceanica, che sono molto pericolosi quando raggiungono la costa. Sono noti anche come tsunami.

Vediamo che le onde sismiche si formano quando ci sono terremoti o eruzioni vulcaniche. Questo tipo di mareggiata copre l’intero spessore dello strato d’acqua. A causa dell’enorme quantità di movimento e scuotimento, si forma un’onda o una serie di onde una dopo l’altra, che in giapponese è nota come tsunami.

Si tratta di un fenomeno raro ma estremamente pericoloso. Si tratta di onde di grandi dimensioni, soprattutto quelle prodotte da terremoti causati da dislocazioni e faglie del fondale marino. Sappiamo anche che nel settembre del 1923, nel Golfo di Sagami, vicino a Tokyo, un terremoto provocò un brusco cambiamento di profondità, facendo scendere il fondale a 400 m e a una distanza di 2 km lo fece salire a 2,30 m. In seguito a questi spostamenti, circa 22,6 km di acqua si sono spostati al di sopra del livello dell’oceano, formando un’onda di tsunami di circa 7 m di altezza, con una parte che è finita nell’oceano e un’altra che si è infranta sulla costa del golfo, distruggendo tutto ciò che si trovava sul suo cammino.

Importanza delle onde

Conosciamo già i tipi di onde esistenti. Questo è importante da sapere perché quando pensiamo al mare e agli oceani, pensiamo immediatamente alle onde: sia alla loro immagine che al loro suono. Sarebbe impossibile immaginare la spiaggia senza le onde, che sono parte integrante del paesaggio balneare e, allo stesso tempo, essenziali per lo sport.

Abbiamo già visto che il vento è responsabile della generazione di onde in grado di muoversi lungo la superficie di mari e oceani. Allo stesso tempo, è fondamentale sapere dove si verifica il rigonfiamento.

Importanza delle onde.

Le aree principali in cui si generano le mareggiate sono quelle in cui soffiano i venti occidentali nelle zone temperate dei due emisferi. Se ci allontaniamo da questi luoghi, c’è solo un’area importante con generazione di onde. In questo caso si tratta del Mar Arabico, dove nei mesi di giugno, luglio e agosto si verifica una forte mareggiata causata dal monsone estivo.

È insolito che gli alisei generino grandi onde. Tuttavia, i cicloni tropicali generano forti onde di forma irregolare, con la maggior parte delle onde osservate nelle regioni intertropicali che hanno origine nelle regioni a latitudine più elevata e si propagano per migliaia di chilometri.

Ora che sappiamo questo, dobbiamo passare a vedere quali sono le parti di un’onda:

Parti di un’onda

Sappiamo già quali sono i tipi di onde. Tuttavia, quando un’onda viene generata, può essere suddivisa in diverse parti importanti. Tenere conto di queste conoscenze aiuterà a migliorare il nostro rapporto con lo sport, in modo da poter esaminare quali aspetti valutare.

Linea d’acqua ferma

La prima cosa di cui si parla è una linea che corrisponde al livello dell’oceano quando non è influenzato dalle onde. Questo è il tempo che viene preso come punto di riferimento dell’oceano su un lungo periodo di tempo. In questo modo, quando si verificano le onde, è possibile eseguire un’operazione e sommare e sottrarre l’altezza dell’onda rispetto a tale misurazione.

Vediamo che questa linea di acqua ferma è segnata al centro dell’onda di profondità, mentre si trova molto più a valle quando le onde sono costiere. Si tratta quindi di un luogo di riferimento ideale se si pensa di scoprire l’altezza delle onde, ad esempio.

Cresta dell’onda

Questo è il punto più noto a tutti e uno di quelli che più ci piace osservare. In questo caso, si tratta del punto più alto dell’onda. È famosa tra i surfisti e si riconosce per il punto di acqua bianca e la schiuma che si genera quando l’onda inizia a piegarsi e a cadere, “rompendosi” contro la riva.

Valle

Molti non lo sanno, ma è l’opposto della cresta dell’onda. Questo perché è il punto più basso. Se volete vederlo, dovrete prestare attenzione al punto più basso tra due onde.

Altezza

A volte confondiamo l’altezza con la cresta. Tuttavia, l’altezza dell’onda è la differenza tra la cresta e la valle. Cioè, qualsiasi distanza misuri è l’altezza dell’onda, mentre la cresta è la parte più alta in cui si trova l’onda.

Lunghezza d’onda

La lunghezza d’onda di un’onda è la misura della distanza orizzontale tra due onde. La misurazione può essere effettuata tra cresta e cresta o tra valle e valle, ma è essenziale che sia possibile farlo se si vuole valutare come potrebbe rompersi.

Periodo

Il periodo di un’onda è il tempo che intercorre tra un’onda e l’altra. Per ottenere questa misura, si sceglie un punto fisso e si calcola il tempo impiegato dalla cresta dell’onda per superare la seconda cresta. Questo è particolarmente interessante quando vediamo che il mare si sta “muovendo”, cioè quando si divide in una fila. Allo stesso tempo, questo tempo si misura anche da valle a valle.

Frequenza

Qui abbiamo la frequenza, che è in qualche modo simile al periodo. Tuttavia, la differenza è che misura solo il numero totale di onde che passano attraverso un punto di riferimento per unità di tempo. Iscrivetevi ai nostri corsi di surf a Lanzarote e imparate a surfare di persona; offriamo anche alloggi a 100 metri dalla spiaggia di Famara e il noleggio di tavole da surf a Lanzarote per chi vuole venire a surfare da solo.

Ampiezza

L’ampiezza è la distanza tra la linea di galleggiamento e la cresta dell’onda. In pratica, si potrebbe dire che questa è l’altezza del centro dell’onda.

Un buon surfista deve conoscere le parti di un'onda e i tipi di onde più comuni.

Avete già imparato quali tipi di onde esistono e quali sono le loro parti! Con queste informazioni, sarete in grado di migliorare la vostra esperienza di surf, poiché è sempre fondamentale conoscere ciò che affrontiamo quando pratichiamo questo sport, così come è vitale sapere tutto il possibile sui nostri grandi amici: quelli che ci permettono di muoverci e di godere della grande sensazione dell’uso di una tavola.

Sin dal 1996 Lanzarote Surf insegna la vera arte del surf. Siamo ubicati nella Riserva Naturale di Famara, un paesaggio idilliaco disegnato dalla natura, il luogo perfetto per gli amanti del surf.

Dai un’occhiata alla nostra ampia gamma di programmi e corsi. E se non ti basta: cosa c’è di meglio che completare il tuo allenamento di surf integrando un corso di SUP, Kitesurf, Yoga o Diving?

Chat
Hi! / ¡Hola! ?

How can I help you? / ¿Cómo te puedo ayudar?